Wellington e il Te Papa Museum

20120109-174217.jpg

Il Te Papa Tongarewa Museum, noto a tutti come il Te Papa o “Our Place”, è il museo più famoso della Nuova Zelanda ed è stato inaugurato nel 1998. È posto direttamente sul mare e vicinissimo a quello che è il cuore della capitale. È una struttura avveniristica e quando era ancora in fase di completamento era uno dei più grandi musei al mondo. Per fare spazio alla nuova struttura l’intera facciata dell’edificio esistente è stata rilocata in un solo blocco: 4 mesi di lavoro sono stati necessari per separare la facciata dalle fondamenta e soli 2 giorni per spostarla di circa 120 metri facendola scorrere su rotaie. La facciata è ora il fronte dell’hotel Museum.

20120109-174121.jpg

Il museo è admission free, ovvero l’ingresso è gratuito, e si ha libero acceso a quasi tutte le aree tematiche permanenti. A volte alcune mostre o attività iterative sono a pagamento. Ma anche a voler guardare i soli padiglioni permanenti si rischia di spendere una giornata intera all’interno del museo.
L’attrazione attualmente più in voga è “The Colossal Sqid”, ovvero il Calamaro Gigante, pescato per caso da un peschereccio rompighiaccio che collabora con gli istituti di ricerca neozelandesi in Antartide. Il mollusco, che sembra essere il più grande invertebrato conosciuto al mondo, è stato trasportato in ottime condizioni fino ad Wellington. L’esemplare che dopo gli studi è esposto nel reparto che tratta della natura in Nuova Zelanda, misura più di 4 metri di lunghezza complessiva e ha gli occhi della dimensione di un pallone da calcio -sembrano i più grandi in assoluto tr quelli conosciuti attualmente e hanno la capacità di emettere luce per vedere le prede nelle grandi profondità marine. La sua cattura sembra essere stata del tutto casuale, il calamaro semplicemente aveva catturato quello che era un pesce già pero all’amo e che stava venendo portato in superficie. La fame o l’ingordigia hanno fatto si che anche lui venisse portato in superficie, catturato, congelato e trasportato al Te Papa.

Ecco il link che tratta dell’esemplare presente al museo:
http://squid.tepapa.govt.nz/

20120109-174142.jpg

The Colossal Squid, non è certo l’unica cosa interessante del museo; di sicuro è quella di maggior effetto e che fa molta presa sui bambini ma vale la pena guardare anche gli altri piani.
Così si finisce con scoprire le origini delle tribù maori, le loro tradizioni e la loro cultura (pensate che avevano una nave a catamarano appositamente costruita e decorata per trasportare le persone di cultura in modo che potessero girare le coste e portare la loro conoscenza alle varie tribù, si vedono i cambiamenti del territorio -primo tra tutti il disboscamento per opera dell’uomo per creare i pascoli- nel corso degli anni e si viene a conoscenza dei difficili stili di vita dei primi coloni.
Insomma una giornata dedicata a tutto ciò che fa nuova Zelanda per cui non poteva infine mancare una sezione dedicata agli elementi naturali ed in particolare ai terremoti con tanto di breve simulazione in una casa di piccole dimensioni ricostruita apposta all’interno del museo.

Ed ecco il link al sito del museo: www.tepapa.govt.nz

20120109-174308.jpg

20120109-174334.jpg

This entry was posted in Foto, Nuova Zelanda, Viaggi and tagged , , . Bookmark the permalink.

Perchè non dire la tua? Lascia un tuo commento!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s